Come stabilito dalla delibera dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas n. 294/06, in questa sezione viene pubblicato l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata ( gas.exergia@pec.exergia.eu ) da utilizzare per lo scambio di informazioni al fine di:

  • effettuare prestazioni di qualità commerciale previste dalla delibera dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas n. 168/04;
  • inviare comunicazioni di sostituzione del venditore nella fornitura di gas naturale ai sensi della delibera dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas n. 138/04;

Solo nel caso si verifichi un disservizio nei sistemi telematici superiore alle 12 ore, le comunicazioni potranno essere inviate al seguente indirizzo:

Exergia Spa
Corso Sempione 9/a – 21013 Gallarate VA
Fax 0331 784695

Chiunque usi, anche occasionalmente, gas metano o altro tipo di gas fornito tramite reti di distribuzione urbana o reti di trasporto, beneficia in via automatica di una copertura assicurativa contro gli incidenti da gas, ai sensi della deliberazione 191/2013/R/gas dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas.

La copertura assicurativa è valida su tutto il territorio nazionale, ad esclusione :

a. i clienti finali di gas metano diversi dai clienti domestici o condominiali domestici e dai soggetti che svolgono attività di servizio pubblico, caratterizzati da un consumo annuo superiore a 200.000 metri cubi alle condizioni standard;

b. i consumatori di gas metano per autotrazione.

Per ulteriori dettagli in merito alla copertura assicurativa e alla modulistica da utilizzare per la denuncia di un

eventuale sinistro si può contattare lo Sportello per il consumatore di energia al numero verde 800.166.654 o con le modalità indicate nel sito internet www.autorita.energia.it.

Per assistenza sulla compilazione del modulo di denuncia di sinistro (MDS), per ricevere informazioni sullo stato di una pratica assicurativa aperta a seguito di una precedente denuncia di sinistro o per l’inoltro di reclami sull’andamento dell’iter di liquidazione dei danni è attivo il Numero Verde CIG 800 92 92 86.

Il numero verde CIG è attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle 12,00 e dalle ore 14,00 alle 16,30.

Il servizio viene sospeso in alcuni periodi dell’anno, generalmente coincidenti con periodi di festività o vacanza.

Le richieste di assistenza per la compilazione del Modulo di denuncia di sinistro o di informazioni sullo stato delle pratiche aperte possono essere inviate anche a mezzo di posta elettronica all’indirizzo assigas@cig.it o via fax al numero 02.72001646

Documenti disponibili:

Polizza_Assicurazione_CIG_INA_ASSITALIA_31_9_2010_al_31_12_2013

Modulo per la denuncia di sinistro

Il 1 luglio 2014 è entrata in vigore la Delibera 40/2014/R/gas e successive modifiche ed integrazioni dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas, la quale approva nuove disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti gas e disciplina gli accertamenti per gli impianti modificati o trasformati (sino al 30 giugno 2014 rimane in vigore la deliberazione n. 40/04).

Oggetto della delibera sono tutti gli impianti di utenza alimentati a gas per mezzo di reti canalizzate per uso non tecnologico (riscaldamento, condizionamento, preparazione acqua calda sanitaria, cottura cibi) allacciati a reti di distribuzione o di trasporto.

Pertanto l’inizio dell’ erogazione del gas all’utenza è subordinato all’esito positivo dell’accertamento da parte dell’impresa di distribuzione della conformità della documentazione di sicurezza.

La modulistica per la richiesta di attivazione deve essere compilata e sottoscritta dal cliente e dall’installatore, ciascuno per le parti di propria competenza e devono provvedere a trasmetterla alla società di distribuzione.

All.G40 : “Procedura con le indicazioni da seguire per ottenere l’attivazione della fornitura gas”: procedura che il Cliente finale è tenuto a seguire per ottenere celermente l’attivazione della fornitura.

All.H40 : “Conferma della richiesta di attivazione della fornitura di gas”: il modulo H è in parte precompilato dal venditore. Il cliente deve completare le informazioni richieste nel modulo, sottoscriverlo e consegnarlo al distributore;

All.I40 : “Attestazione di corretta esecuzione dell’impianto”: il modulo I è in parte precompilato dal venditore.

Deve essere consegnato all’installatore, che lo restituirà compilato, timbrato e firmato insieme alla documentazione tecnica elencata nello stesso Allegato I, corrispondente agli “allegati obbligatori alla dichiarazione di conformità”.

La società di distribuzione, una volta ricevuta la documentazione inerente la richiesta dell’attivazione, ne verifica la completezza ed il rispetto delle norme di sicurezza in base alle vigenti disposizioni.

Qualora la documentazione inviata sia incompleta l’impresa di distribuzione è tenuta a darne comunicazione al cliente finale, il quale dovrà presentare la documentazione mancante entro i termini stabiliti dalla delibera, in caso di mancata ricezione la richiesta di attivazione della fornitura viene annullata.

Documenti disponibili:

All.F40 : allegato informativo per richieste di preventivazione di lavori pervenute al venditore

Linee Guida CIG 11 : Esecuzione degli accertamenti documentali della sicurezza degli impianti di utenza a gas

Dal 15 dicembre 2009 è attivo il “bonus sociale gas” (cioè’il regime di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di gas naturale). Tale compensazione, sotto forma di sconto applicato nella bolletta, è uno strumento introdotto dal Governo, che ha l’obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di disagio economico, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua per il gas naturale.

Possono avere diritto al bonus sociale per disagio economico tutti i clienti domestici (le famiglie), intestatari di una fornitura di gas naturale nel luogo di residenza con contatore di classe non superiore a G6, e che abbiano un ISEE* inferiore o uguale 7.500 euro. Per i nuclei familiari con almeno 4 figli a carico la soglia ISEE viene innalzata a 20.000 euro.

Il bonus sociale è riconosciuto anche ai clienti domestici che utilizzano impianti condominiali alimentati a gas naturale.

In tal caso, non viene corrisposto in bolletta, ma attraverso un bonifico domiciliato che potrà essere ritirato presso gli sportelli di Poste Italiane. Se riconosciuto, il bonus è valido per dodici mesi e può essere richiesto il rinnovo se permangono le condizioni di disagio economico.

Per accedere al bonus sociale occorre fare domanda presso il proprio Comune di residenza presentando l’apposita modulistica. I moduli sono reperibili sul sito dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas www.autorità.energia.it. Per compilare la modulistica è necessario essere a conoscenza di tutte le informazioni relative al cliente, alla sua residenza, al suo stato di famiglia e alle caratteristiche del contratto di fornitura di gas naturale (reperibili sulle bollette gas), in aggiunta alla documentazione relativa all’ISEE.

Il bonus sociale gas, inoltre, è cumulabile con il bonus sociale elettrico.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito internet dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas o chiamare il numero verde 800.166.654.

*ISEE: E’ uno strumento largamente utilizzato in Italia per l’accesso a prestazioni agevolate. Permette di misurare la

condizione economica delle famiglie. Informazioni sull’ISEE sono reperibili all’indirizzo internet www.inps.it o possono

essere richieste al numero verde dell’INPS 803 164

Chi ha diritto al bonus sociale

Il bonus può essere richiesto da tutti i clienti domestici che utilizzano gas naturale con un contratto di fornitura diretto

o con un impianto condominiale, se in presenza di un indicatore ISEE:

• non superiore a 7.500 euro

• non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (con più di 3 figli a carico).

La compensazione è riconosciuta anche ai clienti domestici che utilizzano impianti condominiali alimentati a gas naturale. In tal caso, se non si ha un contratto diretto con un venditore di gas, il bonus potrà essere ritirato presso gli sportelli delle Poste Italiane (erogazione tramite bonifico domiciliato).

Quanto vale il bonus gas

Il bonus è determinato ogni anno dall’Autorità per consentire un risparmio del 15% circa sulla spesa media annua presunta per la fornitura di gas naturale (al netto delle imposte). Il valore del bonus sarà differenziato:

  • per tipologia di utilizzo del gas (solo cottura cibi e acqua calda; oppure cottura cibi, acqua calda e riscaldamento insieme);
  • per numero di persone residenti nella stessa abitazione;
  • per zona climatica di residenza (in modo da tenere conto delle specifiche esigenze di riscaldamento delle diverse località);

Quanto dura il bonus sociale

La compensazione è valida 12 mesi rinnovabili con apposita richiesta.

Il bonus vale esclusivamente per le forniture di gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL). Per i soggetti che hanno fatto richiesta entro il 30 aprile 2010 il bonus verrà riconosciuto retroattivamente anche per l’anno 2009.

Come richiedere il bonus gas

Per accedere al bonus sociale gas il cittadino deve recarsi presso il proprio Comune di residenza o presso altro istituto da questo designato (esempio i Centri di Assistenza Fiscale CAAF), presentando l’apposita modulistica compilata in ogni sua parte.

Per compilare i moduli sono necessarie tutte le informazioni relative al cliente, alla sua residenza, al suo stato di famiglia e alle caratteristiche del contratto di fornitura di gas (reperibili sulle bollette).

Oltre all’apposita modulistica, il cittadino che intende fare richiesta di ammissione al bonus sociale dovrà allegare copia dell’attestazione ISEE, unitamente alla copia del proprio documento di identità.

Il bonus gas, inoltre, è cumulabile con il bonus elettrico.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito dell’AEEG e anche il sito del Ministero dello Sviluppo Economico o chiamare il numero verde 800.166.654